top of page
Charly TARGETCROSS ST LIGHT (pilotabile)

Charly TARGETCROSS ST LIGHT (pilotabile)

(Contattaci prima di fare l'ordine cosi verifichiamo la disponibilita'! Grazie)

Emergenza superleggera quadrata, versione pilotabile


La nuova TARGETcross ST di Charly presenta tre innovazioni essenziali:

  1. Ha una corsa in avanti definita in direzione diagonale con l'effetto di un tasso di affondamento significativamente ridotto. Ciò è dovuto, da un lato, a un rapporto d'aspetto più elevato rispetto ai tettucci trasversali convenzionali, la cui propulsione avviene prevalentemente in direzione di un lato, e dall'altro all'afflusso obliquo dei lati curvi del tettuccio TARGETcross, che hanno quindi un profilo ottimizzato per la portanza.
  2. Il movimento orizzontale, di cui sono dotate tutte le moderne tettoie rotonde e a croce, può essere orientato in una direzione specifica sul TARGETcross, se necessario. In questo modo è possibile evitare ostacoli, come le linee elettriche, e avvicinarsi in modo mirato a un sito di atterraggio d'emergenza con un rapporto di planata di circa 1:1,5. La TARGETcross ST non presenta svantaggi rispetto alle tradizionali tettoie a croce.
  3. La TARGETcross ha linee di lunghezza diversa, il che significa che quando si confeziona il baldacchino le linee della base non sono esattamente una sopra l'altra come di consueto. Questa apertura a ventaglio facilita l'ingresso dell'aria nel tettuccio al momento dell'apertura, aumentando così la velocità di apertura rispetto ai tettucci trasversali tradizionali. Il confezionamento di TARGETcross non è più complicato di quello di una tradizionale cuffia a croce.


La TARGETcross ST superleggero combina così il basso sforzo di imballaggio delle capottine rotonde e trasversali con la controllabilità dei dispositivi di salvataggio Rogallo. Il pericolo di "downplane" subito dopo l'apertura, che esiste con i soccorritori Rogallo anche nello stato pre-frenato quando si aprono con la punta verso il basso, non esiste con il TARGETcross.
Il concetto del TARGETcross non richiede una frenata preventiva, quindi il sistema rimane molto semplice e sicuro da utilizzare.


Altri aspetti di sicurezza:

  • Non ci sono particolari fonti di pericolo dovute alla governabilità: l'attorcigliamento delle cime, spesso inevitabile quando si utilizza un sistema governabile, non causa particolari pericoli. Il TARGETcross ST può anche essere orientato quando viene ruotato. La marcatura di colore rosso sulla punta anteriore indica la direzione di volo ben visibile al pilota.
  • Non c'è pericolo se si tira troppo o se non si usano le maniglie dei freni. Non c'è il rischio di prendere tempo. Non è necessario tirare i freni all'atterraggio, poiché la capottina è già regolata per ridurre al minimo l'affondamento. La velocità di avanzamento riduce inoltre in modo significativo il rischio di compressione spinale all'atterraggio.
  • Le lunghe linee del TARGETcross e la forma simmetrica della calotta riducono il rischio che il soccorritore entri in conflitto con l'aliante.
  • La corsa in avanti e il basso tasso di caduta riducono inoltre il pericolo di una posizione a forbice tra il soccorritore e il parapendio, con conseguente aumento del tasso di caduta.
  • Una breve fase di stallo del TARGETcross dopo l'apertura impedisce lo sviluppo di una posizione "downplane". Dopo la breve fase di stallo indipendente, il TARGETcross entra in un volo in avanti leggero, molto stabile e privo di pendoli, senza alcun intervento da parte del pilota.
  • Lo speciale design del contenitore interno, ottimizzato con l'aiuto del G-Force Trainer di Tom Grabner, assicura che il TARGETcross possa essere dispiegato in modo sicuro e con poco sforzo. È stata prestata particolare attenzione alle direzioni di trazione sfavorevoli del paracadute di soccorso. Si consiglia pertanto di utilizzare in ogni caso il contenitore originale omologato per il soccorso e, se necessario, di far adattare la maniglia di soccorso dell'imbracatura al contenitore da una società di assistenza autorizzata.
  • Il contenitore interno ha un'area separata per le linee. La calotta del paracadute viene rilasciata solo dopo che le corde sono state tese, facendo sì che si apra rapidamente e in modo controllato. Questo riduce al minimo il rischio di impigliamento del soccorritore e del parapendio.
    € 1.048,00Prezzo
    bottom of page